“SCRIVERE LA NATURA”, DI DAVIDE SAPIENZA E FRANCO MICHIELI

Recensione di Giovanni Agnoloni

da La Poesia e lo Spirito

Davide Sapienza e Franco Michieli, Scrivere la natura (ed. Zanichelli)

copertine scrittura creativa 01.indd

Questo libro di Davide Sapienza e Franco Michieli è qualcosa di più e di diverso da un saggio. È un’esperienza, un percorso fra i testi e i mondi che compongono il mondo. E insieme è una “guida” e un “manuale”. Una “guida”, perché illustra itinerari intimi tra i luoghi del pianeta e i topoi della letteratura, anche e soprattutto di viaggio. Un “manuale”, perché insegna a percepire le vibrazioni intime che si dispiegano da quei luoghi e dai passi letterari che ne sono espressione, per pervadere il lettore e coinvolgerlo in un’esperienza autenticamente subcreativa, per dirla con Tolkien. Così diventa anche un “breviario per aspiranti scrittori”, forse più efficace di tante scuole, perché non dà tanto suggerimenti su come scrivere, ma su cosa posare l’attenzione, prima di e quando ci si accinge a scrivere.

Leggi tutto ““SCRIVERE LA NATURA”, DI DAVIDE SAPIENZA E FRANCO MICHIELI”

“SENTIERI DI NOTTE” SU LETTERATITUDINE. INTERVISTA A GIOVANNI AGNOLONI

Ringrazio Massimo Maugeri per l’intervista che mi ha fatto su letteratitudinenews, imperniata sul mio romanzo Sentieri di notte (Galaad Edizioni – Collana “Larix”, a cura di Davide Sapienza). Segue il testo:

SENTIERI DI NOTTE, di Giovanni Agnoloni
Galaad, 2012 – pagg. 230 – euro 12

di Massimo Maugeri

È un romanzo molto particolare, questo di Giovanni Agnoloni: visionario e “avveniristico”. Ambientato nell’Europa del 2025 schiacciata dal peso della Macros (multinazionale informatica che da Berlino ha preso il potere privando il continente di internet e dell’energia), la storia di Agnoloni tratteggia le vicende dell’androide Luther e del programmatore cieco Christoph Krueger.

Ne parliamo con l’autore. Leggi tutto ““SENTIERI DI NOTTE” SU LETTERATITUDINE. INTERVISTA A GIOVANNI AGNOLONI”

GIAN FILIPPO PIZZO RECENSISCE “SENTIERI DI NOTTE”

Ringrazio lo scrittore e critico letterario Gian Filippo Pizzo per aver recensito su Anobii il mio romanzo Sentieri di notte (Galaad Edizioni – collana “Larix”, a cura di Davide Sapienza).

Segue il testo della recensione: Leggi tutto “GIAN FILIPPO PIZZO RECENSISCE “SENTIERI DI NOTTE””

MONICA SERRA RECENSISCE “SENTIERI DI NOTTE”

Ringrazio Monica Serra per la bellissima recensione del mio romanzo Sentieri di notte (Galaad Edizioni – Collana “Larix”, a cura di Davide Sapienza), uscita oggi su Temperamente.it.

Leggi tutto “MONICA SERRA RECENSISCE “SENTIERI DI NOTTE””

Presentazione di “Sentieri di notte” a Firenze

Sono lieto di invitarvi alla prima presentazione fiorentina del mio romanzo appena uscito Sentieri di notte (Galaad Edizioni; collana “Larix”, a cura di Davide Sapienza), che avrà luogo sabato 17 novembre alle ore 17,00Firenze presso la BiblioteCaNova Isolotto (quarto piano) (Via Chiusi, 4/3A.)

Avrò il piacere di essere presentato dal Prof. Giuseppe Panella, critico letterario e docente della Scuola Normale di Pisa, con cui dialogherò.

La presentazione aprirà il ciclo di tre incontri da me curato per la stessa biblioteca, dal titolo “Storie di sopravvivenza“.

Sentieri di notte è una storia a più voci, un patchwork di luoghi, paesi e culture in cui la tecnologia è pretesto e sfondo di una vicenda corale, ambientata tra Cracovia e Berlino. Un romanzo figlio di una lunga ricerca storica e spirituale, che fonde suggestioni filosofiche e psicologiche, intessute in una trama dalle tinte fantascientifiche ma radicata nel mondo reale.

Per chi si muovesse coi mezzi pubblici, ricordo che la BiblioteCaNova Isolotto è facilmente raggiungibile con l’autobus 78, che parte da Via Foggini (c/o fermata tramvia di “Federiga”) e vi lascia alla fermata “BiblioteCaNova”. Dunque, per chi viene da fuori, tram fino a Federiga, poi 78 e il gioco è fatto.

Per concludere, vi ricordo la recensione del libro che è stata scritta da Sandro Battisti, co-fondatore del movimento connettivista.

“PARLAMI DELL’UNIVERSO”: INTERVISTA A CRISTINA DONÀ

Introduzione e intervista di Giovanni Agnoloni

da Postpopuli.it

Parlami dell’universo non è solo il refrain di una delle canzoni più belle e più note di Cristina Donà. È anche il titolo di una sua biografia, scritta da Michele Monina per Galaad Edizioni. Un itinerario tra la vita e la carriera di questa cantautrice, che è forse la voce più intensa e cristallina del rock indipendente italiano. Impreziosita da alcuni testi originali della stessa Cristina Donà, nella parte finale del bel volume (corredato da varie foto su diversi momenti del suo percorso artistico). Ecco la sua intervista, per cui la ringrazio.

– Un libro che è nato da un’amicizia e da un fitto e mai interrotto dialogo con l’autore, con cui avevi anche viaggiato attraverso l’America. Com’è stato ripensare alla tua carriera musicale in termini di scrittura?

Impegnativo, molto, ma anche molto utile. Ricostruire una buona parte del mio vissuto, tra collaborazioni con musicisti, produttori, ricordi degli incontri più o meno significativi e tutto quello che è gravitato attorno a me da quando ho iniziato ad oggi è stato un lavoro notevole, e sono certa di aver tralasciato, non volontariamente, parecchi dettagli. Scavare nei ricordi per ritornare all’emozione di quando ho scritto le canzoni è un percorso da psicanalista. Tanti episodi mi sono venuti in mente strada facendo. Diciamo che questo libro è servito per riordinare un po’ il mio passato e per creare le basi per una prossima biografia, che uscirà per il mio settantesimo compleanno. Leggi tutto ““PARLAMI DELL’UNIVERSO”: INTERVISTA A CRISTINA DONÀ”

“I DIRITTI DELLA NATURA”, DI CORMAC CULLINAN, SECONDO DAVIDE SAPIENZA

Testo introduttivo e intervista di Giovanni Agnoloni

da Postpopuli.it

Un volume prezioso, I diritti della natura – Wild Law di Cormac Cullinan (ed. Piano B), avvocato sudafricano promotore del riconoscimento internazionale dei Diritti della Madre Terra. Una battaglia fondamentale per preservare gli equilibri ambientali del nostro pianeta, già notevolmente compromessi; e che presuppone la consapevolezza dell’inadeguatezza di un impianto di regole come quello oggi in larga parte prevalente nel mondo, per cui le specie diverse dal’uomo – e la Natura in genere – non hanno soggettività giuridica, cioè non sono soggetti di diritti.

Il passaggio a una visione “olistica”, dove l’uomo non sia più l’unico soggetto attivo, ma sia compartecipe di un patrimonio comune, ha però già conosciuto delle tappe fondamentali, come il riconoscimento dei Diritti della Madre Terra nella Costituzione dell’Ecuador e la Dichiarazione Universale dei Diritti della Madre Terra, presentata all’Assemblea Generale dell’ONU e preparata in gran parte da Cullinan.

Questa è sì, dunque, l’opera di un tecnico del diritto, ma anche di un uomo di grande sensibilità, che osserva i problemi e prospetta soluzioni alla luce di una forte passione e di uno spiccato senso estetico, cioè dell’amore per la Bellezza del mondo nei suoi equilibri naturali.

Tratti comuni anche al traduttore italiano del libro, lo scrittore Davide Sapienza, che ho avuto il piacere di intervistare. Leggi tutto ““I DIRITTI DELLA NATURA”, DI CORMAC CULLINAN, SECONDO DAVIDE SAPIENZA”

IN PROSSIMA USCITA IL MIO ROMANZO “SENTIERI DI NOTTE”

Sono felice di annunciare la prossima uscita del mio romanzo Sentieri di notte (Galaad Edizioni – collana “Larix”, diretta da Davide Sapienza), in data 26 ottobre. Il libro sarà presto disponibile in tutta Italia, ma fin da adesso è prenotabile dal sito di Galaad.

Lo presenterò insieme all’amico scrittore (Premio Urania 2008) Francesco Verso, venerdì 26 ottobre a Roma, in occasione della Next-fest, il festival connettivista in programma al Centro Culturale Elsa Morante (Piazzale Elsa Morante), a partire dalle ore 18 (insieme a Olonomico di Sandro Battisti e a Notturno Alieno di Gian Filippo Pizzo), con reading a seguire.

Ricordo anche la recente intervista di Monica Serra – che ringrazio – per il blog Temperamente, in cui già si anticipava qualcosa su Sentieri di notte.

Sentieri di notte è anche il primo romanzo della collana “Larix”, diretta da Davide Sapienza. Dopo Nel cuore della Groenlandia di Fridtjof Nansen (2012) e prima di un’antologia inedita di scritti di Barry Lopez curata da Davide Sapienza in uscita nel 2013, quest’opera contribuisce a tracciare la visione della Collana che è dedicata all’esplorazione in senso geografico, umano e letterario.

Anticipo che la successiva presentazione, insieme al Prof. Giuseppe Panella, sarà alla BiblioteCaNova Isolotto di Firenze sabato 17 novembre alle ore 17,00, nell’ambito della rassegna, da me curata, “Storie di sopravvivenza”.

INTERVISTA SU TEMPERAMENTE.IT

Sul blog Temperamente, Monica Serra (che ringrazio) mi ha intervistato sulle mie ricerche tolkieniane, la mia adesione al Connettivismo e il mio romanzo Sentieri di notte, in prossima uscita con Galaad Edizioni.

A presto per gli aggiornamenti.

LA FILOSOFIA DEL CAMMINO NEL CAMMINARE DI DAVIDE SAPIENZA

Articolo e intervista di Giovanni Agnoloni

da Postpopuli.it

Lo confesso: sono uno che, pur amando camminare, spesso indugia anche troppo davanti al computer, seduto a lavorare. Fa parte del mestiere di scrittore e traduttore. Ma ho un autorevole collega che, con i suoi scritti e le belle conversazioni che spesso mi ha regalato per telefono e di persona, mi ricorda sempre che c’è un oltre, rispetto a tutto questo. Che in definitiva non è neanche un oltre, ma un prima. Ed è il cammino. L’arte del camminare. Sì, perché la Natura si esprime attraverso un’energia che scaturisce dalla Fonte di tutto ciò che esiste.

Davide Sapienza (da scriptavolant.info)

L’autore di cui parlo è Davide Sapienza (www.davidesapienza.it): un uomo che scrive prima di tutto nella mente e nel cuore, e matura le sue idee creative rendendosi tramite, guidato dal ritmo implicito ma palpitante del Mondo, di quella Grande Madre Terra che è specchio dell’Amore universale.

In suoi recenti editoriali pubblicati su “La Stampa” e “La Scienza Verde”, Davide ha scritto libri come I diari di Rubha Hunish e La valle di Ognidove, oltre all’ultimo uscito, La musica della neve,

che veicolano direttamente dentro il cuore del cammino e della natura. Qui possiamo vedere come questa condizione, ovvero quella del camminare integrati con l’anima del mondo, sia una realtà del tutto naturale, perché fa tutt’uno con la condizione stessa di esseri umani. Eppure non è un fatto per niente scontato, perché quante circostanze, non ultima la nostra volontà, ce lo possono impedire? Ma l’istinto è quello, fin dalle origini più ancestrali della specie umana e dei suoi precedenti stadi evolutivi.

Sapienza si richiama a grandi filosofi del cammino, quali Jack London (di cui è un grande traduttore), Henry David Thoreau e Barry Lopez: cantori – com’è anche lui – dell’energia cosmica espressa nell’armonia di un pianeta sempre più minacciato dalla mala fede e dall’ignoranza umana, espresse in forme industriali e tecnologiche. Eppure ogni passo conta, dal primo all’ultimo della vita. E allora ci può giovare a comprendere, a sentire più nostro questo cammino, la visione di un video girato qualche anno fa per la televisione svizzera. Senza dimenticare i servizi da L’Aquila, città pressoché chiusa al cammino, dopo il terremoto del 2009: autentica espressione di una carenza della democrazia, perché una democrazia che impedisce prolungatamente l’accesso al cammino in alcuni suoi luoghi-chiave non si può dir tale. Leggi tutto “LA FILOSOFIA DEL CAMMINO NEL CAMMINARE DI DAVIDE SAPIENZA”