“SENTIERI DI NOTTE” PRESENTATO AL CAFFÈ LETTERARIO DEL GALLO

Ringrazio lo storico dell’arte Corrado Marsan, il musicista Krishna Biswas, il Prof. Robert Shackelford, direttore della sede fiorentina della Harding University, i proprietari del Caffè Letterario del Gallo di Scandicci, lo staff del del canale 7 GOLD che ci ha intervistati e tutto il pubblico intervenuto venerdì sera al reading musicale di Sentieri di notte (Galaad Edizioni), che è andato meravigliosamente bene. Oggi Sara Bonafè parla della serata su Il Galletto Canterino, blog del caffè letterario.

Vi anticipo che sabato 6 aprile alle ore 12,30, su TVR Telitalia 7 GOLD (canale 77 digitale terrestre), e poi in replica lunedì 8 aprile alle ore 20, su TVR +, canale 196, il servizio sul romanzo e sulla serata, con le interviste al Prof. Marsan e a me sul libro e a Krishna Biswas sulla sua musica.

copsentieridinotte

READING MUSICALE DI “SENTIERI DI NOTTE”, AL CAFFÉ LETTERARIO DEL GALLO

Venerdì 29 marzo, alle ore 21, al Caffè Letterario del Gallo a Scandicci (FI), Via Poccianti 6, terrò un reading italiano-inglese dal mio romanzo Sentieri di notte (Galaad Edizioni), con il chitarrista acustico Krishna Biswas, che suonerà dei suoi brani originali, e con l’intervento dello storico dell’arte Corrado Marsan.

Condurrà la serata il Prof. Robert Shackelford, direttore della sede fiorentina della Harding University.

copsentieridinotte

“MORTE ACCIDENTALE DI UNA LIBRERIA” – IL RACCONTO DELLA LIBRERIA EDISON

“MORTE ACCIDENTALE DI UNA LIBRERIA”

IL RACCONTO DELLA LIBRERIA EDISON
SECONDO GIOVANNI BOGANI
GIOVEDI’ 14 MARZO AL TEATRO DEL SALE, FIRENZE

Giovanni Bogani Caterina Fiaschi e Stefano Algerini

Si chiama “Morte accidentale di una libreria”, ma potrebbe chiamarsi “Morte accidentale di una città”. O almeno di una sua parte: quella delle librerie tradizionali, dei cinema del centro, dei negozi artigianali.

“Morte accidentale di una libreria” è il titolo dello spettacolo che Giovanni Bogani porta in scena, giovedì sera al Teatro del Sale, con inizio alle 21, insieme al suo piccolo gruppo di musicisti e attori. Si parla della libreria Edison, ma anche dei cinema che oggi non ci sono più. Si parla di librai e di personaggi che frequentavano la libreria: vecchi pittori, tutta una Bohème che viveva, un giorno dopo l’altro, tra quei libri. Lo spettacolo si sviluppa come una serie di fotografie, di brevi ritratti. Intervallati da canzoni, suonate dallo stesso Bogani, insieme a Caterina Fiaschi, voce straordinaria. Il monologo teatrale è portato in scena da Stefano Algerini, con inserimenti, spigolature e curiosità raccontate da Linda Luzzi. Leggi tutto ““MORTE ACCIDENTALE DI UNA LIBRERIA” – IL RACCONTO DELLA LIBRERIA EDISON”

“PARLAMI DELL’UNIVERSO”: INTERVISTA A CRISTINA DONÀ

Introduzione e intervista di Giovanni Agnoloni

da Postpopuli.it

Parlami dell’universo non è solo il refrain di una delle canzoni più belle e più note di Cristina Donà. È anche il titolo di una sua biografia, scritta da Michele Monina per Galaad Edizioni. Un itinerario tra la vita e la carriera di questa cantautrice, che è forse la voce più intensa e cristallina del rock indipendente italiano. Impreziosita da alcuni testi originali della stessa Cristina Donà, nella parte finale del bel volume (corredato da varie foto su diversi momenti del suo percorso artistico). Ecco la sua intervista, per cui la ringrazio.

– Un libro che è nato da un’amicizia e da un fitto e mai interrotto dialogo con l’autore, con cui avevi anche viaggiato attraverso l’America. Com’è stato ripensare alla tua carriera musicale in termini di scrittura?

Impegnativo, molto, ma anche molto utile. Ricostruire una buona parte del mio vissuto, tra collaborazioni con musicisti, produttori, ricordi degli incontri più o meno significativi e tutto quello che è gravitato attorno a me da quando ho iniziato ad oggi è stato un lavoro notevole, e sono certa di aver tralasciato, non volontariamente, parecchi dettagli. Scavare nei ricordi per ritornare all’emozione di quando ho scritto le canzoni è un percorso da psicanalista. Tanti episodi mi sono venuti in mente strada facendo. Diciamo che questo libro è servito per riordinare un po’ il mio passato e per creare le basi per una prossima biografia, che uscirà per il mio settantesimo compleanno. Leggi tutto ““PARLAMI DELL’UNIVERSO”: INTERVISTA A CRISTINA DONÀ”

Presentazione de “Il mare immobile” di Valentina Ferri (a Firenze)

Firenze, giovedì 26 aprile

ore 20,30

Caffè letterario “Cuculia”, via dei Serragli 3/r e 1/r, Firenze

                                       Presentazione del romanzo Il mare immobile

di Valentina Ferri

(Galaad Edizioni)

Lucca, estate del 1974. Lia ha dieci anni ed è in vacanza al mare con la mamma e le sorelline. Sensibile e irrequieta, dotata di un’intelligenza viva e precoce, Lia ama leggere, scrivere e recitare, le piacciono la musica e gli sceneggiati televisivi. Ma c’è un segreto che non può rivelare a nessuno: da qualche tempo nella sua vita è entrato in scena un uomo che, con le sue attenzioni da adulto, l’ha strappata per sempre al mondo dell’infanzia. Lo sguardo di Lia non rinuncia a misurarsi con la realtà intessuta di segreti e bugie che la circonda, mentre la sua voce si innalza, pagina dopo pagina, al di sopra di ogni paura e sofferenza, entrando nell’anima del lettore per non uscirne più. Come Mila di Codra nella Figlia di Iorio, la tragedia dannunziana che segna per la piccola protagonista una sorta di iniziazione letteraria, Lia paga il fio di colpe non sue; ma il racconto dell’orrore subito lascia intravedere la possibilità di una rinascita. Leggi tutto “Presentazione de “Il mare immobile” di Valentina Ferri (a Firenze)”

My literary-musical performance with Krishna Biswas

     

Here are some photos from my recent literary&musical performance on the books Tolkien e Bach. Dalla Terra di Mezzo all’energia dei fiori (Galaad Edizioni) and Tolkien. La Luce e l’Ombra (Senzapatria Editore), together with the guitarist and composer Krishna Biswas at the Harding University. I wish to thank the Dean, the whole staff and the students, and of course the friends who came to see us.
(photos by Antonio Ancarola)

        

Trovate qui alcune foto della mia recente performance letterario-musicale sui libri Tolkien e Bach. Dalla Terra di Mezzo all’energia dei fiori (Galaad Edizioni) e Tolkien. La Luce e l’Ombra (Senzapatria Editore), che ho tenuta insieme al chitarrista e compositore Krishna Biswas (già da me intervistato per Postpopuli.it) presso la Harding University. Ringrazio di cuore il Direttore, tutto il personale e gli studenti, oltre naturalmente agli amici intervenuti.
(foto di Antonio Ancarola)

     

La mia performance letterario-musicale con Krishna Biswas

     

Trovate qui alcune foto della mia recente performance letterario-musicale sui libri Tolkien e Bach. Dalla Terra di Mezzo all’energia dei fiori (Galaad Edizioni) e Tolkien. La Luce e l’Ombra (Senzapatria Editore), che ho tenuta insieme al chitarrista e compositore Krishna Biswas (già da me intervistato per Postpopuli.it) presso la Harding University. Ringrazio di cuore il Direttore, tutto il personale e gli studenti, oltre naturalmente agli amici intervenuti.
(foto di Antonio Ancarola)

        

Here are some photos from my recent literary&musical performance on the books Tolkien e Bach. Dalla Terra di Mezzo all’energia dei fiori (Galaad Edizioni) and Tolkien. La Luce e l’Ombra (Senzapatria Editore), together with the guitarist and composer Krishna Biswas at the Harding University. I wish to thank the Dean, the whole staff and the students, and of course the friends who came to see us.
(photos by Antonio Ancarola)

     

“Lodi a Maria e arte in Suo onore”, di Valentino Salvoldi

Recensione di Giovanni Agnoloni

Nella raccolta di quattro volumi di Lodi a Maria e arte in Suo onore (Edizioni Messaggero Padova) di Don Valentino Salvoldi mi sono imbattuto per uno di quei casi del destino che, secondo me, casi non sono.
Ero giunto da poco all’Albergo Centrale di Fino del Monte (BG), sotto la Presolana, per la performance letterario-musicale di Davide Sapienza e Giuseppe “Jos” Olivini sul libro La musica della neve (Ediciclo) di Davide, poi rivelatasi (ma non che avessi dubbi) un’esperienza straordinaria.
Ma evidentemente c’erano anche altre sorprese ad attendermi. Leggi tutto ““Lodi a Maria e arte in Suo onore”, di Valentino Salvoldi”

Krishna Biswas e la magia della chitarra acustica

Testo introduttivo e intervista di Giovanni Agnoloni

Da Postpopuli.it

Krishna Biswas è un chitarrista elettrico e acustico con all’attivo quattro CD di composizioni sue proprie, suonate e concepite in uno stile acustico personale. Ha all’attivo esperienze in gruppi musicali della zona fiorentina e toscana, la presenza come insegnante in scuole di musica privata e la conduzione di seminari musicali.
Una selezione dei suoi brani e ulteriori dettagli si trovano sul suo spazio Myspace.

– Parlaci del tuo percorso musicale, di come hai iniziato a suonare, dei tuoi primi maestri.

Provengo da una famiglia che mi ha esposto a stimoli musicali di differente natura, da quella classica occidentale a quella indiana e americana. Ho cominciato a studiare il pianoforte da bambino, a 5 anni credo, con un insegnante classico. Dopo qualche tempo ho cambiato strumento, attratto dalla chitarra classica. Sono stato fortunato a conoscere il mio primo e più influente maestro, Ganesh Del Vescovo – chitarrista classico e compositore – che poi è diventato amico di famiglia e mio maestro fino ai 15 anni. A quell’età poi ho subito il fascino della musica afroamericana e sono passato all’elettrica. Ho riscoperto i suoni acustici successivamente, ma non per esigenze limitate all’esperienza musicale, ma semmai più vicine a una ricerca di emancipazione dall’imitazione di esercizi di stile e sonorità ormai conformate, in cui molti musicisti che mi circondano si riconoscono. Leggi tutto “Krishna Biswas e la magia della chitarra acustica”

“La musica della neve”, di Davide Sapienza

Recensione di Giovanni Agnoloni

Davide Sapienza

La musica della neve – Piccole variazioni sulla materia bianca

Ediciclo, 2011

Una delle cose più difficili, anche per i saggi, è spiegare che cosa sia l’essenza delle cose. Anthony De Mello ha parlato di questo in un suo libro con riferimento al verde. Possiamo dire che cosa è verde (un prato, un indumento, per esempio), ma definire il verde in sé è impresa ben più ardua, che comporta l’addentrarsi in un territori fatti di puro intuito e pura percezione, non mediata dalla razionalità.
Sono questi gli spazi che Davide Sapienza ha esplorati in La musica della neve – Piccole variazioni sulla materia bianca, opera uscita per la collana di Ediciclo “Piccola filosofia di viaggio”, in cui lo scrittore, viaggiatore ed esperto di musica unisce le sue tre grandi vocazioni per calarsi nello spirito del bianco e di quella materia sempre mutevole e mai prevedibile che più di ogni altra cosa lo rappresenta e lo esprime. Leggi tutto ““La musica della neve”, di Davide Sapienza”